Trova un cane abbandonato con un bigliettino commovente sul collare: il post è virale

Un uomo trova un cane abbandonato che al collare ha appeso un bigliettino commovente: la sua storia diventa subito virale.

Le storie sul web, quelle strappalacrime, spesso sono legate a degli animali, soprattutto ai cani. Il miglior amico dell'uomo da sempre, oggi spesso protagonista sul web di video divertenti ma anche di storie molto tristi. Oggi parliamo della storia di un cagnolino di nome Siggy, che è stato ritrovato con un biglietto attaccato al collare, super commovente. L'uomo che l'ha ritrovato non è riuscito a trattenere le lacrime, né il desiderio di far conoscere questa storia, e allora vediamo com'è andata, e qual è stata la sorte di Siggy dopo essere stato trovato.

Un uomo è scoppiato in lacrime, dopo aver ritrovato un cane abbandonato con un biglietto molto triste attaccato al collare. Il cane si chiama Siggy ed è stato trovato mentre correva senza meta in mezzo a una strada, tra l'altro molto trafficata, nei pressi di Jalan Canning, a Canning Garden, quando il suo salvatore, Lionel Keith Vytialingam, l'ha messo in salvo facendo però una scoperta molto triste. Il cagnolino, un Goldendoodle, è stato molto bravo a stare lontano dalle auto che transitavano senza ferirsi. Quando Lionel è poi riuscito a farlo salire in auto, ha notato che al collo aveva un biglietto molto commovente attaccato al collare.

Cane abbandonato ritrovato con un biglietto al collo: fa subito il giro del web

L'uomo, dopo aver letto il lungo biglietto è stato sopraffatto dall'emozione, che ha poi condiviso sui social. Il biglietto recitava: «WOOF! Ciao! Mi chiamo Siggy e sono il cagnolino più affettuoso e attento che tu abbia mai visto. Il mio padrone è molto dispiaciuto di avermi dovuto lasciare qui con te, ma non può più prendersi cura di me. Mi dispiace molto, come sono sicuro che lo sia anche lui».

cane ritrovato con biglietto
Siggy, il cane ritrovato con il biglietto-Filcoopensionistico.it/fonte: Facebook

L'uomo ha poi descritto il suo momento di grande commozione e ha detto: «Sono scoppiato in lacrime, stringendo saldamente con una mano i suoi nodi appiccicosi di pelliccia. Ho provato tutti i tipi di emozioni, e in quel momento di vuoto mentale, ho deciso che sarebbe salita sulla mia macchina e sarebbe venuta via dalla strada. Non perché sapessi cosa stavo facendo, o dove andare, ma perché in quel momento sapevo che non avevo bisogno di avere tutte le risposte prima di fare un passo avanti».

LEGGI ANCHE: Como, litiga con sua moglie ed esce per una "passeggiata": a quanti chilometri di distanza l'hanno ritrovato

Lascia un commento